Blog

Il mare, il pesce, una risorsa per l'uomo

Il mare offre una vasta gamma di risorse utili all’uomo: l’acqua, i sali in essa contenuti, le materie prime dei fondali, la superficie come spazio di transito. La risorsa più sfruttata è tuttavia costituita dalla biomassa marina, che comprende numerosissime specie vegetali e animali, molte delle quali sono impiegate nell’alimentazione umana. Le specie vegetali più utilizzate sono le alghe che, in alcuni Paesi asiatici come in Giappone, sono state introdotte anche nell’alimentazione umana; mentre più frequentemente vengono impiegate per la produzione di mangimi e fertilizzanti. Pesci, crostacei e molluschi rappresentano una buona fetta dell'alimentazione umana.

La loro presenza in mare è condizionata fortemente dalla possibilità di nutrirsi, soprattutto grazie alla presenza del plancton, un piccolissimo organismo acquatico che necessita di luce e ossigeno e che si raggruppa in enormi quantità, soprattutto negli strati superficiali di acque fredde e non inquinate. La loro presenza è condizionata dalle modalità e intensità di sfruttamento da parte dell'uomo. Le principali zone di pesca sono quelle alle alte latitudini, ma anche i mari della fascia intertropicale sono ricchi di pesce, sopratutto qualora la loro temperatura sia mitigata dalla presenza di correnti fredde. La qualità e l'intensità dell'attività peschereccia si basa i primo luogo sulla pescosità del mare in questione, tuttavia, può subire altri condizionamenti: in passato, infatti, questi erano costituiti in particolare dalla presenza di una popolazione con tradizioni alimentari basate sul pesce, mentre sono da un lato le tecniche di conservazione del pesce e dall'altro l’impiego di pescherecci moderni e attrezzatissimi a permettere il soddisfacimento della domanda ittica del mercato internazionale. Tra i principali produttori di pescato ci sono Cina, Perù, Cile, India, Indonesia, Thailandia, Sudafrica, Giappone, Stati Uniti e Norvegia. Questi ultimi dispongono di flotte che sono tra le più moderne al mondo in grado di localizzare il pesce tramite i sonar, permettono a questi pescherecci di selezionano, di pulirlo e di surgelarlo direttamente a bordo tramite appositi macchinari. In tal modo possono star via per mesi e raggiungere le migliori zone di pesca.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.